Loading...
Loading...
Loading...

Controcorrente

ORCHESTRA DA CAMERA SU STRUMENTI ORIGINALI

Animata da vivo spirito di ricerca e da un approccio visionario e creativo,
Controcorrente vuole realizzare un sogno musicale, un diverso modo di fare musica.
L’obiettivo è l’espressione comune dell’opera d’arte musicale attraverso un lavoro libero da influenze super partes e svincolato dagli stilemi delle mode del tempo attuale.
Controcorrente è il frutto di una passione condivisa ispirata da energia, creatività, autenticità.

Tornate all’antico e sarà un progresso

GIUSEPPE VERDI

L’ambizioso progetto di Orchestra Controcorrente nasce dall’incontro di eccellenti giovani musicisti ed amici, accomunati da una grande stima reciproca e da anni di intensa attività professionale nei più prestigiosi ensemble con strumenti originali.
Il nostro obiettivo è quello di condividere con il pubblico, attraverso concerti e progetti musicali, il frutto di una comune visione interpretativa, risultato di un percorso di profonda ricerca artistica.

Controcorrente vuole affrancarsi dalle modalità imposte dal sistema culturale e musicale contemporaneo inserendosi nel marketing musicale per “proporre un’alternativa” dall’interno: all’ accelerazione quotidiana imposta dal mercato, alla fretta di produrre una “merce” a basso costo, questa orchestra, nel suo piccolo, risponde con una decelerazione, con un cammino lento e consapevole.

L’ovvia provocazione del nome sottolinea un vivo desiderio di riappropriazione del “tempo” da parte dell’artista e la sua gestione consapevole al servizio della creazione ponderata di un progetto di alta qualità, non subendo modalità e tempistiche tipiche di un prodotto musicale standardizzato, ma procedendo creativamente – controcorrente.

Controcorrente è un’orchestra che suona esclusivamente su strumenti originali.
La ricerca filologica, per noi di fondamentale importanza, diventa portatrice di nuova linfa e non paladina di rigidità interpretative.
Attenta a raccogliere la preziosa eredità del passato, Controcorrente guarda al futuro con una visione originale e innovativa che recupera la tradizione in senso vivo e creativo.

Sostieni il nostro progetto

UN’ORCHESTRA INDIPENDENTE E AUTOGESTITA

Abbiamo bisogno del vostro sostegno!
Investire in questo progetto vuole dire investire in un’idea, nel suo potenziale, nell’entusiasmo e nell’energia
che solo progetti animati da pensieri “creativamente coraggiosi” sanno sprigionare.

Senza direttore

Controcorrente nasce consapevolmente senza
una figura direttoriale di riferimento

A guidarci è la volontà di comprendere le ragioni che hanno portato la modernità a confinare e separare le figure di compositore / studioso / direttore / esecutore. Sappiamo con evidenza che nel mondo musicale antico non aveva senso parlare di “compositore” intendendolo in senso moderno quale figura votata alla esclusiva creazione dell’Opera musicale.

Compositore / esecutore / direttore fino al XVIII secolo sono categorie per lo più indistinguibili, chi compone è anche esecutore, direttore e viceversa.

E’ proprio quando questo connubio inizia ad incrinarsi che la figura originaria del ‘musicista’ (che compone, suona, studia e dirige) viene meno e nasce la moderna visione dell’interprete come mero esecutore, del direttore come colui traccia le linee interpretative dell’Opera musicale e guida l’orchestra, del compositore come colui che scrive e che spesso non può eseguire.

Controcorrente è un tentativo umano e musicale di superare la moderna tendenza del considerare la musica come materia “a compartimenti stagni”, favorendo l’unione tanto cara al mondo antico di categorie per noi spesso separate.

Il sentiero intrapreso da Controcorrente guarda a questa antica visione, non come critica sterile alla figura direttoriale in quanto tale ma come vivo desiderio di rendere ogni singolo musicista pienamente responsabile del suo ruolo all’interno dell’ensemble, di stimolare la singolarità di ciascuno e rendere la ricerca interpretativa un momento da condividere creativamente insieme.

Provare ad essere quel “musicista completo” tanto caro al mondo antico è la sfida ideale che Controcorrente apre come orizzonte nuovo ai suoi strumentisti.

Semplicemente entusiasmante: l’orchestra ControCorrente ha già fissato l’asticella – e senza molta pubblicità ha già raggiunto un’apice interpretativa sul suo primo CD, finanziato dal crowdfunding!

Michael Kube, FONO FORUM

L’orchestra ControCorrente, che suona su strumenti (o copie) d’epoca e senza direttore – dove ogni solista è orgoglioso di contribuire all’impresa collettiva – ha appena posto un ambizioso traguardo nella discografia: vivacità della linea, evidenza del colore, nitidezza di prospettiva, certezza del gesto e implacabile coesione.

Christophe Steyne, CRESCENDO
Salutiamo un giovane ensemble promettente che non ha freddo
né agli occhi né al cuore.
Jean-Christophe Pucek, DIAPASON

Questa formazione suona in modo elastico e potente, con gesti accentuati, sulla base di registri di violino omogenei che, come l’intero ensemble, sono organizzati in modo molto preciso. L’interazione è sveglia; inoltre, c’è un suono complessivamente bello e aggraziato ma senza alcuna dolcezza. I venti brillano assaporando i loro suoni colorati.

Matthias Lange, KLASSIC.COM

Questo metodo di esecuzione, il loro entusiasta impegno e la varietà delle loro articolazioni sono fantastici.

François Hudry, QOBUZ

Il loro programma è delizioso: alcune sinfonie dei figli di Bach tra “Empfindsamkeit” e “Sturm un Drang”, in questo stile particolarissimo che mescola sbandate improvvise, sbalzi di affetti inaspettati e prelibatezze sospese.

Olivier Eterradossi, CLICK MUSIQUE!

Notevoli la precisione dell’attacco, la delicatezza dei piani e dei pianissimi, il perfetto equilibrio tra i gruppi strumentali, ma anche la coerenza strumentale interna. Il fatto che la spontaneità sia pienamente preservata in questa raffinatezza tecnica mostra come i vari lavori siano stati provati straordinariamente bene.

Remy Franck, PIZZICATO

Contattaci

PER QUALSIASI INFORMAZIONE O RICHIESTA

    Loading...